capture 027 07072020 161039Alice Tarquini, 32enne romana, è stata vittima di una grave incidente che rischia di farle perdere un occhio. Un clandestino ha scagliato sassi contro la sua auto finendo per colpirla in pieno volto. Lunedì sera stava rincasando a bordo della propria vettura a Roma quando, all'incrocio tra la Casilina e via della Primavera, è stata aggredita. "Ero quasi arrivata a casa. Non mi sono resa conto di essere stata colpita da un sasso ma il mio viso è diventato improvvisamente una maschera di sangue. Il dolore che ha preceduto l'emorragia è stato lancinante. Ricordo solo di aver visto qualche istante prima la sagoma di una persona sul marciapiedi che inveiva verso le vetture in strada. Non ho capito perché, cosa fosse accaduto". 

Si chiama Balbir Cumar, anni 42, di nazionalità indiana. Senza fissa dimora, senza lavoro e senza nemmeno il permesso di soggiorno. Un clandestino con alle spalle un curriculum di alto profilo criminale e una storia di illeciti reiterati. Non ha avuto timore neanche dei carabinieri tanto che, quando è stato placcato durante il tentativo di fuga, si è scagliato con brutalità contro le forze dell'ordine. "Ogni giorno è sempre peggio", hanno poi raccontato gli abitanti del Casilino. Spacciatori e di ubriachi si sono impossessati del nostro quartiere e di altre parti di Roma. E non c'è nessuno che fa qualcosa per proteggere chi vi abita", è stata una delle testimonianze raccolte dal quotidiano Leggo.

 

www.liberoquotidiano.it