capture 328 13012021 105351"Si sta buttando via anche il sacrificio del lockdown"

Roma, 12 ott. (askanews) – “Bisogna che si capisca che si sta buttando via anche tutto il sacrificio fatto durante i mesi del lockdown e si va avanti così: gli altri Paesi europei qua attorno sono la chiara dimostrazione di dove andiamo a parare”, lo ha detto a Timeline, su Sky TG24, Massimo Galli, direttore del reparto malattie infettive dell’ospedale Sacco di Milano.

“È sempre stato così – ha aggiunto – in tutte le epidemie della storia: ci sono interessi di tipo economico o politico che superano le evidenze dal punto di vista epidemiologico. Per difendere questi interessi, a volte anche importanti, si ha interesse a minimizzare quello che non è minimizzabile e si dice che bisogna dare alla gente soltanto messaggi rassicuranti, come se la gente fosse stupida e dovesse essere trattata come si tratta il bambino che bisogna mandare a letto tranquillo perché dorma sonni felici”.

Parlando poi della situazione in Europa Galli ha spiegato che “tutto il mondo è paese: quello che sconcerta è una certa diffusa inadeguatezza dei governanti, che riescono a infilare una serie di topiche veramente importanti, oppure che, quando i Paesi sono più vasti, vedono conflitti dettati dalla diversa appartenenza politica fra governi centrali e governi regionali. Tutta Europa non ha bisogno di questo, ma di voci univoche e interventi razionali per cercare di uscire tutti quanti, se possibile assieme, perché una malattia come questa delle frontiere stabilite dall’uomo se ne infischia. Al virus non occorre il passaporto per passare da un posto all’altro”.

 

www.askanews.it