Rai La commissione di vigilanza Rai ha dato il via libera all'unanimità alla risoluzione che punta ad evitare conflitti d'interesse degli agenti e degli artisti. Si tratta del testo originario depositato dal relatore, il deputato dem Michele Anzaldi, a inizio luglio, che ha aggiunto una premessa nella quale la commissione auspica l'intervento legislativo del governo sul tema. Il voto, previsto una settimana fa, era stato rinviato a oggi. Sono almeno cinque i punti chiave dell'atto di indirizzo, a partire dallo stop all'affidamento della produzione di programmi a società controllate o collegate ad agenti che rappresentino artisti presenti negli stessi programmi. Il divieto vale anche nel caso che la società di produzione faccia capo allo stesso artista. E questo significa che non sarebbe replicabile un caso come quello del programma di Fazio su Rai1 che vede lo stesso conduttore coinvolto nella società - l'OFFIcina - che lo produce.

 

Inoltre non si potranno contrattualizzare nello stesso programma più di tre artisti rappresentati dallo stesso manager. Altro punto significativo è la trasparenza nei rapporti Rai/agenti: l'azienda di viale Mazzini renderà noto sul proprio sito l'ammontare delle parcelle degli agenti. C'è poi la parte relativa al conflitto di interessi e produzioni cinematografiche: la Rai non potrà co-produrre film con società di cui siano titolari agenti che rappresentino artisti legati alla tv pubblica da rapporti contrattuali in essere. Un quarto punto chiave riguarda il sostegno ai produttori indipendenti e ai giovani autori: la Rai dovrà riservare una quota di investimenti alle produzioni cinematografiche indipendenti e dedicare maggiore attenzione ai giovani autori attraverso una apposita struttura aziendale. Infine, a proposito di format la Rai dovrà individuare criteri per accertarne l'originalità, impedendo che i format esterni vengano utilizzati in modo surrettizio per incrementare i compensi di artisti, conduttori e giornalisti. La commissione ha fissato in 90 giorni il termine entro cui la Rai deve acquisire le indicazioni dell'atto di indirizzo.

Articolo di  huffingtonpost.it

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna