"Il primo avversario? Un partito pauperista, ribellista e giustizialista che si chiama Cinquestelle". Silvio Berlusconi, ospite di Matrix, il talk show condotto da Nicola Porro, mette nel mirino i pentastellati e lancia un messaggio chiaro agli elettori in vista del voto del prossimo 4 marzo: "È il partito della protesta, della ribellione. Mi ricorda il partito di un mio amico della Repubblica ceca. Io gli consigliai di fare il partito degli arrabbiati che arrivò secondo e lui diventò premier".

 

Poi il leader di Forza Italia lancia l'allarme: "Se vincono i Cinque stelle - aggiunge - crolla l’Italia. I grillini sono portatori del vecchio comunismo, non hanno mai lavorato. I Cinque stelle diventa un’agenzia di collocamento per i disoccupati. Non è un partito vero, è una setta. Continuano a cambiare posizione sui vari argomenti, basta guardare Di Maio sui vaccini. Sono persone che non hanno valori nè principi, non sono un partito democratico". Il Cvaliere a questo punto fissa l'obiettivo per gli azzurri: "Il 25% dei voti per Forza Italia e il 45% per l'intero centrodestra".

Sugli scenari post-voto, Berlusconi non ha dubbi: "Non faremo il governo insieme al pd. Troppi distanti sui valori e sui programmi. Il centrodestra avverrà maggioranza alla Camera e al Senato. Il premier dovrà essere apprezzato da tutti. Sarà Forza Italia che avrà più voti ad indicarlo". Berlusconi parla anche del segretario del Pd, Matteo Renzi: "Ho sperato che potesse essere una novità in una classe politica stantia, poi invece sono rimasto deluso. Oggi purtroppo per lui e anche per noi ha un gradimento del 22%". Poi il Cav parla anche dei suoi alleati che lo affiancheranno in questa corsa elettorale verso le urne: "Si tratta di quattro cavalli bravi con esperienza alle spalle e tanto buon senso. Alla fine ci si mette d'accordo anche rapidamente, siamo sulla stessa linea anche sui programmi...".

.......................

dall'articolo di   per ilgiornale.it   

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna