Entra nel vivo l'inchiesta sul nuovo stadio della Roma. Il faro della Procura ora è puntato su 400mila che il costruttore Luca Parnasi - arrestato lo scorso 13 giugno - elargito alla politica e a fondazioni legate ai partiti.  Nel dettaglio, si parla di 250mila euro dati nel 2015 alla onlus 'Più Voci', vicina alla Lega, e 150mila alla fondazione Eyu, legata al Pd.

 

E proprio tra i dem risulta indagato per finanziamento illecito il tesoriere Francesco Bonifazi: "Non c'è nessun finanziamento illecito al Pd, e non c'è nessuna fattura falsa della Fondazione. Abbiamo tutti i documenti in regola e siamo pronti a dimostrarlo", ha twittato Bonifazi.

Non c’è nessun finanziamento illecito al PD, non c’è nessuna fattura falsa della Fondazione EUY. Abbiamo tutti i documenti in regola. E siamo pronti a dimostrarlo in qualsiasi sede.

Il tweet di Francesco Bonifazi

Di Maio ha concluso il suo intervento social sottolineando la necessità di una legge sui finanziamenti ai partiti che scovi eventuali fondazioni volte a finanziarli illecitamente.

In una nota il Pd chiarisce che la Fondazione Eyu è "autonoma" dal partito. E che "le risorse raccolte dalla Fondazione non sono mai state trasferite dal partito, come si può facilmente verificare nei bilanci di Eyu e del Pd".

Sul finanziamento finito nel mirino degli inquirenti, "la fattura esiste ed è relativa a uno studio consegnato al committente in data 2/5/2018, regolarmente contabilizzata con relativo contratto".

Sulla vicenda va all'attacco M5S: "Ecco la vergognosa notizia che stamani molti organi d'informazione hanno oscurato: il tesoriere renziano del Pd, Francesco Bonifazi, è indagato per finanziamento illecito".

(Unioneonline/L)  da unionesarda.it 

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna