Il bivio per Matteo Salvini si fa sempre più stretto, più problematico, tra le esigenze tattiche e gli obiettivi strategici: il leader della Lega vorrebbe continuare per un certo periodo a sostenere il governo gialloverde, che permette di lucrare consensi sul piano elettorale ("I 5 Stelle li ho sottomessi, con loro faccio quello che voglio"); sull'altro versante, però, ha paura che la parabola negativa di Di Maio investa alla fine anche il Carroccio.

 "Dobbiamo andare avanti il più possibile con quest'alleanza" sono i ragionamenti a cui si lascia andare il leader leghista secondo i suoi consiglieri più fidati ma dobbiamo staccarci prima di essere trascinati anche noi nel gorgo".

Fino a qualche settimana fa il "time limit" più probabile erano le elezioni europee: lo schema immaginato da Salvini era quello di aspettare lo stravolgimento degli equilibri nel Parlamento di Strasburgo, sotto la spinta elettorale dell'avanzata sovranista-populista, prima di riaprire i giochi in Italia. Solo che gli ultimi avvenimenti hanno creato le premesse per cui l'avvitamento della crisi grillina potrebbe subire un'accelerata: la sceneggiata sul condono fiscale; la tempesta sullo spreade le liti di Di Maio con il governatore della Bce, Mario Draghi; la commedia sul Tap; lo scontro tra Salvini e il sindaco Raggi sul governo di Roma; il "revanchismo" contro le banche, che ha creato una divaricazione con la Lega; il tentativo del vicepremier pentastellato di dire no alla Tav per sedare la rivolta della base grillina per il sì al Tap; l'insofferenza dell'anima grillina più ortodossa verso le campagne salviniane su immigrazione e sicurezza. Sono tutte questioni che dimostrano come nella politica 5 Stelle ci sia una sorta di ritorno ad un'ideologia minore, basata sulle parole d'ordine arcaiche della sinistra del '900.

...................

dall'articolo di Augusto Minzolini  per panorama.it 

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna