Secondo questo provvedimento consensuale, la casa è stata assegnata al minore e non alla madre e al padre che vi si alterneranno. Per garantire la bigenitorialità, il figlio trascorrerà con i genitori tempi perfettamente paritetici. Nessun assegno di mantenimento di un coniuge a favore dell'altro per il mantenimento della prole. 

 

Non un figlio-pacco-postale sballottato 15 giorni da un genitore e 15 dall'altro. Ma la casa coniugale a disposizione del minore, con i genitori che si traferiscono là a turno. Spese, costi, obblighi e diritti divisi perfettamente a metà, senza discussioni, né liti. Con un innovativo provvedimento di omologa di separazione destinato a fare discutere, il Tribunale di Matera anticipa, per così dire, il - contestatissimo - ddl Pillon. In un certo senso, viste le analogie tra i contenuiti del disegno di legge in discussione al Senato, e gli accordi stipulati nella separazione omologata, la giurisprudenza in un certo senso precede il legislatore.

.........................

dall'articolo 

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna