Le più importanti associazioni islamiche tedesche protestano contro la linea del governo che alla Conferenza Islamica della Germania ha chiesto maggiore "indipendenza dai finanziamenti stranieri" per moschee e imam.  All’inaugurazione della Conferenza Islamica della Germania, in corso a Berlino, il ministro degli Interni tedesco, Horst Seehofer, ha assicurato che “i musulmani fanno parte della Germania”.

 

Le parole del ministro bavarese, però, non convincono le organizzazioni islamiche più radicali presenti nel Paese. E non solo perché fu lui, subito dopo essersi insediato, ad affermare senza esitazione che “l’Islam non appartiene alla Germania”, provocando una vera e propria levata di scudi. La questione al centro dell'incontro, che ha per obiettivo quello di promuovere l’integrazione dei 4 milioni e mezzo di musulmani che vivono nel Paese dinanzi alla sfida ancora incalzante del fondamentalismo, è che non tutti i musulmani tedeschi sono disposti ad integrarsi.

....................

dall'articolo di   per ilgiornale.it 

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna