Stefano Messina se n'è andato dall'Italia nel 2012, nonostante il posto fisso. E in un'isola del nord Europa, Flekkeroi, ora è felice e ha avuto il secondo figlio. "Lavoro in una ditta di ittica. Guadagno 3000 euro al mese e vivo bene. Qui ci sono efficienza e agevolazioni per chi ha famiglia. Quando me ne sono andato dall'Italia credevo che ci sarei stato male. E invece ero sollevato".

 

“L’Italia non mi manca perché sono arrabbiato con lei. Non dovevo essere costretto ad andarmene”. Tutto comincia nel 2012 quando Stefano Messina ha 46 anni, una figlia appena arrivata e il posto fisso. “Ero in polizia da 25 anni. Mai avrei pensato di espatriare. Ma dopo la nascita di Amina non riuscivo più a vedere un futuro per lei. Era mortificante non riuscire ad arrivare a fine mese”.

Così comincia a guardarsi intorno: Canada, Stati Uniti, infine i paesi del Nord Europa. “In Norvegia c’erano incentivi per i giovani, ma anche per mettere al mondo figli e farli studiare”.

...................

dall'articolo di    per ilfattoquotidiano.it 

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna