Merkel e le sue bancheLa Merkel dà il via libera alla maxi fusione bancaria, contro le regole che aveva dettato all'Europa, Italia compresa.  Incorporare una banca malata a una sana al fine di salvare quella in crisi ed evitare che a pagare siano i correntisti. In apparenza il possibile via libera alla fusione tra Deutsche Bank eCommerzbank parrebbe essere un'operazione legittima di libero mercato, in realtà le cose sono un po' diverse. Se finalizzata si tratterebbe di un'operazione furba architettata da Berlino per salvare il primo istituto di credito teutonico aggirando quelle norme europee che proprio Angela Merkel aveva dettato agli altri Stati membri.

I fatti.  Dopo la conferma da parte del Ministro delle finanze tedescoOlaf Scholz dell'avvio dei colloqui preliminari tra i CdA del colosso bancario di Francoforte e Commerzbank analisti e commentatori in queste ore analizzano scenari e retroscena di quella che potrebbe essere la più grande operazione di fusione bancaria della storia europea.

Sono anni che questo progetto è nell'aria e, a fasi alterne, se ne torna a parlare, ma mai come oggi i tempi per la sua realizzazione paiono essere maturi. 

Deutsche Bank è in crisi da parecchio. Solo nel 2017 ha segnato mezzo miliardo di euro di perdita con bilanci gonfi di derivati e un passivo di 1,6 miliardi iscritto a bilancio. Gran parte del suo male deriva dall'aver investito nei municipal bond americani.

.....................

dall'articolo di Barbara Massaro per Panorama.it 

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna