sostenitori presidente Maduro CorriereFonti Usa, gli uomini chiave del regime si sarebbero dovuti schierare con Guaidó e López ma, all’ultimo momento, hanno fatto marcia indietro. Scenari da guerra fredda? La fotografia di oggi — ennesima giornata di marce di protesta contro e a favore del regime — vede al momento uno sconfitto e un mezzo vincitore. La spallata finale di Juan Guaidó non c’è stata, la rivolta non è andata oltre qualche immagine sui social. Nicólas Maduro è ancora al potere, appoggiato dalla gran parte delle forze armate.

A poche ore dall’annuncio della sua liberazione dai domiciliari, il leader oppositore Leopoldo López è dovuto correre a rinchiudersi nuovamente, stavolta nell’ambasciata spagnola con moglie e figlia, per evitare la quasi certa vendetta del chavismo. Intanto a Caracas si sono verificati nuovi scontri tra manifestanti e la Guardia nazionale bolivariana, mentre sono in corso le marce contrarie di sostenitori di Maduro e oppositori.

...................

dall'articolo di Rocco Cotroneo  per Corriere.it 

nella foto: Sostenitori del presidente Maduro si radunano di fronte a un murale che ritrae l’«eroe» Simón Bolívar (AP Photo/Boris Vergara)

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna