famiglia sfrattata meglio i clandestiniLa denuncia di una famiglia friulana: "Abbiamo chiesto la canonica al parroco. Possiamo pagare 350 euro al mese". Ma la Caritas vuole metterci i migranti. Sfrattati da casa, due minori a carico e la richiesta al parroco: "Ci affitti la canonica". Peccato che lì ci andranno i migranti. La storia raccontata al Gazzettino da una donna, esasperata dalla povertà, ha dell'incredibile.

La sua famiglia, costretta a finire in strada a causa di uno sfratto esecutivo, avrebbe chiesto al prete di Majano (Udine) di poter andare in affitto nella canonica del paese, pagando 350 euro al mese. Ma lì la Caritas vorrebbe ospitare una quindicina di richiedenti asilo.

L'8 agosto scorso la famiglia friulana avrebbe scritto una missiva a don Emmanuel Runditse chiedendo aiuto. "Fra poche settimane saremo su una strada. Ci dispiace disturbarla. Ma abbiamo saputo che la canonica di Comerzo è in fase di ristrutturazione - dice la moglie, di cui omettiamo il nome, a tutela dei minori, anche se la donna vuole rendere pubblica la sua identità, perché è esasperata -; abbiamo due figli piccoli. Io sono affetta da numerose patologie degenerative e ho fatto richiesta di invalidità civile. Prego ogni giorno che dalla sommatoria di tante disgrazie possa scaturire una piccola pensione di invalidità". Domani sera, però, è in programma un incontro tra il sindaco di Majano e la Caritas Diocesana di Udine, che vorrebbe piazzare nella canonica della frazione di Comerzo (la stessa richiesta dalla famiglia) circa 15 migranti.

"In alternativa, mio marito è disposto a vendere un rene - continua la donna, di cui il Gazzettino non rivela l'identità per proteggere i due minori...

..................

dall'articolo di  per IlGiornale.it 

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna