Raggiunto da un provvedimento il sindacalista del Coisp che denunciò il fatto. Poi la punizione è stata archiviata. La Boldrini e la polizia giocano a nascondino. O meglio: gli agenti sarebbero costretti ad eclissarsi perché la Presidente "non ama" avere intorno a sé "un gran numero di poliziotti in divisa". La vicenda è (forse) nota, ma ora ha un nuovo capitolo: un provvedimento disciplinare contro il sindacalista del Coisp, Giuseppe Brugnano, che denunciò il tutto. "Boldrini fa nascondere i poliziotti". Ecco i fatti. Il 9 ottobre scorso Laura Boldrini va in Calabria in visita istituzionale. Un'oretta prima dello sbarco, all'aeroporto di Lamezia Terme si incontrano Brugnano, un poliziotto della scorta presidenziale e l'agente F.C. Giusto due chicchiere per definire i dettagli e assicurare la sicurezza della Presidente.

Tutto normale finché Brugnano non domanda se sono vere le notizie circolate nei giorni precedenti a L'Aquila in merito all'insofferenza della Boldrini verso i poliziotti in uniforme. Quesito piccante, ma di legittima curiosità quando si ha di fronte qualcuno della scorta che può confermarlo o smentirlo.

Sulla risposta data, i racconti divergono: l'agente della scorta metterà a verbale di aver detto un secco "Assolutamente no, la Presidenza (...) non entra certo nel merito di queste cose"; Brugnano invece ricorda di aver sentito altro, versione peraltro confermata dall'altro collega: "Effettivamente l'onorevole non ama un gran numero di colleghi in divisa - avrebbe risposto la scorta presidenziale - non perché ce l'ha con le Forze dell'Ordine, ma per ragioni etiche e perché non vuole dare troppo fastidio ai cittadini perché in un'ultima visita a Venezia, a seguito di una foto con un poliziotto in divisa, l'Onorevole è stata oggetto di dure critiche da parte degli organi di stampa".

Stando a questa dichiarazione, alla Boldrini non piacerebbe avere divise attorno non perché son brutte. Ma per opportunità politica. Per "presentarsi come un cittadino comune, pronto a scendere tra la gente", quando in realtà è circondata di poliziotti. E in effetti quel giorno il servizio di sicurezza prevedeva la presenza di un folto numero di agenti, ma tutti in borghese e solo quattro in uniforme. Peraltro "dislocati in punti poco visibili". Così il giorno successivo Brugnano scrive un comunicato stampa per accusare quei politici che si vergognano "di mostrarsi accanto a personale in divisa". Ovviamente l'Ufficio della Boldrini e il portavoce Roberto Natale smentiscono prontamente. E ci mancherebbe.

..................

dall'articolo di   per ilgiornale.it