Sarà a Bibbiano la tappa-simbolo di Matteo Salvini e della campagna elettorale della Lega in Emilia Romagna. "Vi aspetto in due occasioni - annuncia il leader leghista dal comizio di Castellarano (Reggio Emilia) -, sabato 18 gennaio nell'Emilia che corre, che cresce e che sogna, in piazza Libertà a Maranello, e poi il 23 gennaio a Bibbiano: non potevo non portare una voce di cambiamento in un comune reggiano che ahimè adesso è noto nel mondo per la vergogna".  "Ho bisogno di voi in questi 15 giorni - è l'appello ai leghisti - perché per qualcuno la campagna elettorale è un problema di fascisti e di comunisti, ma queste sono cose di 70 anni fa. Io trovo tanta gente che dice la mia famiglia è tradizionalmente di sinistra, perché mio babbo o mio nonno era partigiano, per cultura, ma il 26 a questo giro voto Lega perché il Pd è il partito dei banchieri e dei milionari.

Abbiamo bisogno di voi - ha concluso il leader leghista dal palco - perché ci sono ancora tanti emiliani indecisi. Ho bisogno che in questi 15 giorni scaldiate le teste, scaldiate i cuori, perché il treno della storia passa da qua il 26 gennaio e poi non passa più per i prossimi 50 anni". 

tv.liberoquotidiano.it
Nel video di Agenzia Vista / Alexander Jakhnagiev, la Camera respinge le mozioni di Lega e Fdi su Bibbiano