capture 312 12022020 194548Ogni anno in Italia si accende l'assurda polemica sulla strage delle foibe, quando il regime comunista iugoslavo di Tito massacrò centinaia di istriani, dalmati e giuliani, la cui unica colpa era quella di essere italiani. I comunisti iugoslavi accusavano i malcapitati di aver collaborato con il regime fascista e vollero attuare una sorta di pulizia etnica. Una tragedia che, rivedendo le immagini dei corpi infoibati, merita il nostro triste ricordo. Tuttavia, in alcune frange della sinistra permane ancora un approccio negazionista, considerata anche la benevolenza dei comunisti italiani nei confronti del regime iugoslavo.Per tale motivo, l'idea di Toni Capuozzo, rilanciata in un post Facebook, si pone l'obiettivo di istituzionalizzare il giorno del ricordo dei martiri delle foibe attraverso la nomina di un senatore a vita scelto "tra i tanti esuli che hanno ricordato quando era difficile farlo". Il giornalista friulano, di cui sono celebri i reportage sui massacri etnici, richiama ad un'operazione simbolica stile Liliana Segre, per zittire i negazionisti una volta per tutte.

Il post di Capuozzo ha suscitato grande approvazione tra i lettori, ma probabilmente la sua idea rimarrà inascoltata.

www.liberoquotidiano.it