capture 318 13022020 162502"La ruota gira". Pier Ferdinando Casini arringa il Senato sul caso Gregoretti e raccoglie applausi a scena aperta a Palazzo Madama. Il senatore del Gruppo Misto annuncia il proprio voto contrario: non manderà a processo Matteo Salvini. E la motivazione è la più "politica" di tutte: "Guardate colleghi, quello che oggi succede per Salvini, un giorno potrà riguardare Zingaretti o qualcun altro... Si tratta di decidere se i principi sono validi sempre o solo a seconda delle persone""Il mio voto - ha concluso l'ex presidente della Camera - sarà coerente: la politica non può essere espugnata... Il giudizio politico lo danno gli elettori e non può essere delegato a un magistrato".

 

www.liberoquotidiano.it