capture 347 24032020 105449In piena emergenza Coronavirus qualcuno in barba alla tragedia nazionale che si sta abbattendo sugli italiani ha tutt’altre priorità: le promozioni. Accade nel Lazio di Zingaretti. Il capo del cerimoniale della Regione ha ricevuto un ritocco al rialzo dei propri emolumenti. Mica bruscolini. Lo ha stabilito un decreto del presidente della Regione del 28 febbraio scorso: col quale si aumenta di diecimila euro (da 65mi1a a 75mila euro lordi l’anno) il compenso di Francesco Scoppola, responsabile del «Cerimoniale»:  struttura di diretta collaborazione del governatore Nicola Zingaretti. Certo una grande priorità…

Interrogazione di Fabrizio Ghera

Quel decreto ora è oggetto di una interrogazione presentata in Consiglio regionale dal capogruppo di Fratelli d’Italia Fabrizio Ghera. L’esponente di FdI ricorda come «con decreto del presidente della Regione Lazio del 7 maggio 2018 è stato conferito al dottor Francesco Scoppola l’ incarico di responsabile della struttura di diretta collaborazione Cerimoniale; con decorrenza dalla data di sottoscrizione del relativo contratto individuale di lavoro; a tempo pieno e determinato fino alla scadenza della legislatura in corso. Nello stesso decreto si stabilisce il trattamento economico lordo onnicomprensivo in euro 65mila».

Ma il 20 febbraio 2020 – ricorda Ghera nell’interrogazione – Zingaretti decide di effettuare un “ritocchino”. Perché? «In considerazione della rilevanza e complessità delle attività da espletare, nonché della particolare e comprovata professionalità di Scoppola»: è la motivazione addotta nel decreto da Zingaretti. Che chiede pertanto “di adottare gli atti amministrativi necessari per procedere a un aumento del trattamento economico”.

 

Ma non si dovevano ridurre i costi?

Ma come, fa notare  il capogruppo alla Pisana di Fratelli d’Italia Fabrizio Ghera:  “nella riorganizzazione dell’amministrazione regionale si è cercato di arrivare ad una riduzione dei costi. Anche attraverso la fissazione di un tetto agli stipendi dei dipendenti; e alla parte variabile della retribuzione dei dirigenti. E poi, ancora, taglio delle indennità e blocco turn over”. Come si spiega una decisione del genere?

Qualche domandina a Zingaretti

Dunque la domanda di Ghera e la relativa interrogazione sono tese a sapere quale caspita di opportunità può esistere in un momento come questo. Quale urgenza ci fosse in un momento in cui si combatte contro ben altre emergenze   Ghera mette alle strette Zingaretti, chiedendo se davvero “ritiene opportuno aumentare lo stipendio del responsabile del Cerimoniale in un periodo in cui si cerca di tagliare il più possibile i costi dell’amministrazione: anche attraverso il contenimento di tutte le indennità del personale dipendente e dirigenziale della regione Lazio”.

Ultima considerazione di Ghera. Ma non certo meno urgente: Zingaretti spieghi ”inoltre, i motivi che hanno portato a disporre questo aumento della retribuzione: per un incarico conferito soltanto 18 mesi fa”.

www.secoloditalia.it