capture 621 05032020 163407A Parma il RICATTO del sindaco e dalla sinistra: buoni pasto per chi è in difficoltà in questa emergenza solo a chi si dichiara antifascista tramite modulo. Chiedo l’immediato intervento del Ministro dell’Interno per mettere fine a questa PAGLIACCIATA. Ecco il video in cui Giorgia Meloni, Presidente di Fratelli d’Italia, si scaglia contro l’impostazione ideologica delle linee operative all’erogazione dei buoni spesa e alimentari per i nuclei famigliari esposti agli effetti economici derivanti dall’emergenza coronavirus.

A Parma infatti, la Giunta Comunale ha dato il via libera alla delibera che individua le linee operative all’erogazione dei buoni spesa e alimentari per i nuclei famigliari esposti agli effetti economici derivanti dall’emergenza coronavirus.

 

Poche ore fa il fatto veniva denunciato con un tweet proprio dal senatore di Fratelli d’Italia Giovanbattista Fazzolari che sottolineava come il Comune chieda di firmare un modulo in cui si dichiari “che se non critichi la Resistenza e l’antifascismo. Questa sinistra fa schifo. Omuncoli cinici e senza scrupoli”. “In base all’art. 5 comma 3 bis del Regolamento Comunale per la concessione di Contributi, vantaggi economici e patrocini – si legge nell’autocertificazione scaricabile dal sito del Comune di Parma – dichiaro di riconoscermi nei principi costituzionali democratici e di ripudiare il fascismo e il nazismo; di non professare e fare propaganda di ideologie nazifasciste, xenofobe, razziste, sessiste o in contrasto con la Costituzione (…); di non perseguire finalità antidemocratiche e di non compiere manifestazioni esteriori di carattere fascista e/o nazista, anche attraverso l’uso di simbologie o gestualità ad essi chiaramente riferiti”.

www.lavocedelpatriota.it