capture 050 10042020 134501Sull’accordo accettato dall’Italia in seno all’Eurogruppo rischia di spaccarsi definitivamente il governo Conte bis. La collaborazione con i partiti dell’opposizione è andata a farsi benedire, ma ora le crepe sono evidenti anche nella raffazzonata maggioranza giallorossa. La “calata di braghe” del premier e del ministro Gualtieri è sintetizzata da Stefano Fassina, deputato di Leu, che si schiera contro i suoi stessi compagni a causa dell’accordo con l'Ue: “Il pacchetto condiviso dall’Eurogruppo è una trappola. C’è soltanto il Mes. Il Sure, il sostegno ai disoccupati, è un grande bluff; le garanzie per le imprese sono già nella mission Fib e già pagate anche da noi; nessun impegno per il Recovery Fund, la formula usata per non citare gli eurobond. Grave errore politico l’ok dell’Italia, il governo deve venire subito in Parlamento”. 

 

www.liberoquotidiano.it