Lega 1300Salvini smentisce l'incontro ricostruito da Buzzfeed nella capitale russa. Il responsabile del Carroccio presente: "Non ci sono mai stati fondi né soldi. Tutte parole e blablabla". M5s: "Queste storie non ci sfioreranno mai e non devono, ovviamente, nemmeno sfiorare il governo".  Matteo Salvini annuncia querela: “Mai preso un rublo”. Il responsabile del Carroccio presente all’incontro sotto accusa smentisce: “Tutte parole e blablabla”. Il vicepremier Luigi Di Maio sceglie di fare una battuta: “Sto lavorando. Sicuramente meglio Putin che i petrolieri… Scherzi a parte, il M5s pensa agli italiani e a me interessa questo. Stop”.

caputo sabato itaEra il 1983 e un giovane pubblicitario nichilista, dedito a donne e vizi, si aggirava di notte per la Milano da bere. Nemmeno Sergio Caputo si ricorda di preciso la data di uscita di Un Sabato Italiano. È passato tanto tempo e nel frattempo il ragazzo nichilista e dedito ai vizi che sorride in copertina ora è un padre di famiglia, con moglie e figli (l’ultimo ha 9 mesi) e un pallino per jazz e swing che dura da una vita. Mentre parliamo al telefono, Sergio prova anche a chiedere alla caputologa—lui chiama così sua moglie. «No, nemmeno lei si ricorda. Era sicuramente la metà di aprile dell’83.» Poco importa della data precisa. Basta solo ricordarsi che, su per giù, 35 anni fa un pubblicitario completamente disilluso ci ha regalato la migliore diapositiva nella Milano da bere che sia mai stata scattata.

percossi a scuola CoranoPercossi con mazze per imparare il Corano. Con l'accusa di maltrattamenti su minori, sono stati arrestati dalla squadra mobile di Pisa due 'maestri' di Corano mentre un terzo membro di un'associazione culturale islamica senegalese è stato indagato a Santa Croce sull'Arno al culmine di un'indagine nata per far luce sui comportamenti tenuti in una specie di doposcuola allestito in un appartamento nel centro della cittadina. La casa era frequentata da una sessantina di ragazzini tra 7 e 17 anni e tutti di origine senegalese.

Rivellini e Gioielliere 225x300«Oggi ho incontrato il gioielliere di Castellammare Michele Cimmino. Nel marzo scorso fu barbaramente aggredito nel suo negozio da quattro feroci delinquenti che lo hanno colpito alla testa con il calcio di un fucile a canne mozze e lo hanno ridotto in fin di vita. Un uomo buono e onesto, l’ennesimo, che per poco non è finito vittima del buonismo della sinistra. E che adesso ci mette la faccia: vuol far sapere a tutti quello che ha dovuto vivere allora, ma anche quello che sta vivendo oggi. E cioè una vera beffa. Mi ha raccontato che dei quattro ladri piombati nella sua gioielleria, due facevano i pali e due lo hanno massacrato.

vip traditori dei grilliniLa grande fuga dei vip dai 5 Stelle è partita. Dalla Mannoia fino alla Ferilli: scatta il tradimento dei attori e cantanti. Scatta la grande fuga dai 5 Stelle. Attori e cantanti che avevano sposato la cuasa grillina adesso voltano le spalle al Movimento e tornano all'ovile.

incendio doloso 2 mortiL'incendio, di origine dolosa, sarebbe stato appiccato da uno straniero, che voleva vendicarsi per essere stato fermato dagli agenti, qualche giorno prima. Sarebbe un ragazzo di origine straniera, senza fissa dimora, l'autore dell'incendio divampato nella notte a Mirandola, nel Modenese. Le fiamme hanno inghiottito la sede della polizia locale, al piano terra di uno stabile, e si sono propagate fino ai piani superiori, dove si trovano alcune abitazioni.

Il vicepremier dopo lo scoop di Repu. bblica: "Da Pascucci gravi frasi". E rinuncia al comizio. Pd e sinistra all'attacco. L'aspirante sindaco va avanti. Luigi Di Maio rinuncia alla visita a Corleone dopo le dichiarazioni del candidato Cinquestelle Maurizio Pascucci, che come Repubblica ha raccontato oggi ha pubblicato una foto con un nipote di Bernardo Provenzano, che gestisce un bar, e ha aperto al dialogo con i parenti dei mafiosi. "Le sue frasi - dice - sono gravi. Lo Stato deve stare attento a non avvicinarsi mai, neppure con la propria immagine, a quella gente". 

ll governo italiano, dopo la sentenza della Corte di Giustizia Europea, deve recuperare l’Ici non versata dalla Chiesa Cattolica che assomma, secondo le stime più attendibili, a circa 5 miliardi di euro. Questa cifra gigantesca potrebbe essere recuperata nell’arco di pochi anni, trattenendo le quote di 8×1000 destinate alla Chiesa Cattolica, circa un miliardo di euro all’anno, con la tecnica del credito in compensazione, fino all’estinzione del debito.

Secondo gli inquirenti, i membri della banda sarebbero “un centinaio”, “tutti di origini maghrebine e asiatiche”. Nel Regno Unito, la polizia ha avviato recentemente l’“Operazione Stovewood”, una maxi-indagine diretta a individuare i membri di una banda di stupratori che, negli ultimi anni, ha seminato il terrore a Rotherham, città del Sud dello Yorkshire.

Il bancomat di cittadinanza non sarà utilizzabile ovunque. Man mano che la misura da 10 miliardi (dal Def 9 per reddito e pensioni di cittadinanza e uno per i centri per l’impiego) si sta delineando emergono una serie di paletti che fanno discutere. La misura, che come assicura il vicepremier e ministro del Lavoro e dello Sviluppo economico Luigi Di Maio, «partirà entro i primi tre mesi del 2019», sarà applicata con una serie di niet. E i furbi rischieranno «6 anni di galera».

La verità, si sa, arriva più lenta, ma prima o poi arriva. E quella sul recupero dei 190 migranti presi a bordo da nave Diciotti passa per una chiamata all'Imrcc di Roma. È la notte di Ferragosto quando alla centrale operativa della Guardia costiera arriva la telefonata che annuncia che un gommone con a bordo numerosi immigrati sta affondando. Si trova 3 miglia fuori dalle acque Sar italiane e a 7 miglia dall'isola di Lampedusa. Dal centro di coordinamento della Capitaneria di porto, che ha sede a Roma, parte l'alert verso Malta, che però non risponde.

Renatodecarmine1È a tutti noto lo stretto legame che ha unito Santa Marinella e il territorio circostante al grande cinema italiano del passato (ambientazione di svariati film tra cui “Il sorpasso”, nonchè residenza estiva di Rosselini e Bergman), e proprio qui nasce, all’interno dell’ex Casetta Rosa, sul lungo mare di Santa Marinella, la Casa Degli Autori del Cinema, dove alle ore 21 di sabato 21 luglio si ricorderà l'attività di Renato De Carmine, grande attore internazionale di teatro, cinema e televisione oltre che di doppiaggio, ad 8 anni dalla sua scomparsa. Secondo il Dizionario dello spettacolo del Novecento, è un artista "di grande mestiere, di duttile sensibilità, capace di abbandoni trasognati e di grande statura scenica". 

Un parroco abruzzese spara a zero sul vice premier: "Dice più o meno le stesse cose di Hitler". Quello che forse è il più duro attacco a Matteo Salvini di questi mesi è arrivato da un uomo di chiesa. Don Aldo Antonelli, prete abruzzese e penna freelance dell’Huffington Post, è stato intervistata dal programma di Radio 24, La Zanzara, dove si è prodigato in una spassionata invettiva contro il leader della Lega.

Una nuova marcia dei migranti ospitati a Cona verso Padova. La prima notte i parroci li hanno accolti, poi hanno chiuso le porte. Non sempre le porte delle chiese sono aperte ai migranti. Dopo il caso di Bologna, dove solo pochissime parrocchie hanno dato disponibilità all'accoglienza, lo stesso accade anche a Padova. 

L'hanno già ribattezzata la "fiducia sporca", ma l'alternativa è il disastro. Nelle ore in cui al Senato sul Rosatellum, nonostante una maggioranza quasi inesistente, il governo incassa cinque sì grazie ai voti dei verdiniani e alle presenze in aula di forzisti e leghisti che consentono il numero legale, è il premier Paolo Gentiloni ad ammettere inquietantemente il grande rischio corso dal Paese. Senza quei voti, sarebbe "l'esercizio provvisorio. Perciò si prendono i voti che ci sono", riferisce il retroscena di Repubblica. Il premier, silenzioso e pragmatico, fa i conti non tanto sulla legge elettorale ma sulla ben più delicata manovra economica, ma con lo sguardo nel Pd si va anche un po' più in là: "Non dite che il sostegno di Verdini puzza. Quando servirà a votare la fiducia sullo ius soli saranno in tanti a ricredersi", spiega ai suoi il capogruppo Luigi Zanda.

Bambini da repubblicaVideo intervista a diciassette minori nati qui ma senza cittadinanza. Domanda: "Lo sai che non sei italiano?". Già arruolati i testimonial dello ius soli come legge umanitaria, e chi non la vuole è un razzista senza cuore. Con un video sentimentale, vagamente in stile Veltroni, Repubblica - quotidiano in prima linea per fare passare la cittadinanza facile - mette in campo i bambini, dai sei anni in su ma non troppo, il più grande ne ha dodici. Serve a convincere più facilmente il lettore, facendo leva sull'istinto di protezione verso i piccoli, che «dietro l'idea dello ius soli c'è una ragione umana e fondamentale», come spiega la politologa di sinistra Nadia Urbinati. E di conseguenza in chi si oppone allo ius soli un bel po' di disumanità (la solita destra xenofoba che per giunta concede il voto agli italiani all'estero grazie alla legge «che porta il nome di un ex fascista, Mirko Tremaglia»).

Incidente tra Galugnano e San Donato. Due treni delle Ferrovie Sud-Est si sono scontrati su una linea a binario unico. Il 26 luglio 2016 ad Andria un frontale tra treni costò la vita a 23 persone. Sfiorata la tragedia nel Salento. Alle 17.30 due treni si sono scontrati mentre stavano viaggiando in direzione opposta sulla linea gestita dalle Ferrovie Sud-Est, a pochi chilometri da Galugnano e San Donato di Lecce. Sul posto sono immeditamente intervenuti i carabinieri, la polizia e le ambulanze del 118 per prestare i primi soccorsi ai tredici feriti. Al momento sono ancora da accertare le cause dell'incidente che, ancora una volta, si è consumato su una linea a binario unico.

elezioni comunali 2017Oltre 9,2 milioni gli italiani sono chiamati al voto, domani dalle 7 alle 23, nei 1.004 comuni italiani che rinnovano sindaco e consiglio comunale. Sono elezioni amministrative che prevedono un eventuale turno di ballottaggio il 25 giugno per i comuni superiori a 15mila abitanti. Alle urne vanno 25 capoluoghi di provincia (tra cui Padova, Verona, Parma, Frosinone, Lecce, Oristano) di cui 4 di regione: Palermo, Genova, Catanzaro e L'Aquila. Molte incognite sull'affluenza.  Alle amministrative dell'anno scorso l'affluenza ha tenuto: 62,14%, un calo di cinque punti rispetto alla tornata precedente ma non il crollo. Di certo per il centrosinistra si tratta di un banco di prova molto importante perché in ballo c'è anche il 'tesoretto' di 15 sindaci uscenti - tra cui quelli di Genova Marco Doria, che non si ricandida, e di Palermo Leoluca Orlando, che invece corre di nuovo -, mentre il centrodestra parte con 6 primi cittadini, tra cui Sergio Abramo che si ripresenta a Catanzaro. A Verona Flavio Tosi, dopo dieci anni, lascia alla compagna, la senatrice Patrizia Bisinella, il compito di tentare l'impresa sotto le insegne di "Fare!". A Parma ci riprova Federico Pizzarotti, ex movimento cinque stelle e ora di nuovo in campo per il secondo giro, da indipendente, appoggiato da una parte di Sinistra italiana e dai radicali.

Convergenza sul sistema tedesco. Brunetta: "Si può andare al voto il 24 settembre". Renzi: "No al veto dei piccoli partiti".L'accordo dopo l'incontro tra i capigruppo dem e azzurri. Brunetta: "Si può andare alle elezioni anche il 24 settembre". "Durante l'incontro tra il Partito democratico e Forza Italia in merito alla riforma della legge elettorale, i capigruppo Dem e azzurri, Rosato, Zanda, Brunetta e Romani, hanno concordato - certifica una nota del gruppo FI alla Camera - un calendario dei lavori per le prossime settimane".

Piercamillo Davigo al governo M5SCinque e lode a Beppe Grillo, che ha capito la cosa più importante: i Di Maio, i Fico e i Di Battista stanno bene lì dove sono adesso, portarli al governo sarebbe una cattiveria nei confronti degli italiani e una iattura per il movimento e per gli stessi giovanotti, che pure ci sperano. Così, se davvero dopo le elezioni nascerà un esecutivo a Cinque Stelle, i nomi saranno altri. Gli attuali senatori e deputati potranno baloccarsi con le presidenze delle Camere e delle Commissioni, continueranno a battagliare in televisione e sul web.  Le poltrone ministeriali sono riservate a gente più strutturata e capace. Vicina al M5S, certo, soprattutto vicina a Grillo, ma comunque non proveniente dalla nomenclatura parlamentare di oggi. Quelli che in politica si chiamano "tecnici d' area", insomma, ora diventano indispensabili per far uscire il movimento dall' età della pietra. Alcuni hanno già ricevuto dal comico una telefonata preliminare che ha prodotto in molti degli interessati forti aspettative e aumento della salivazione.

Dal primo gennaio del prossimo anno diremo addio alle monetine da 1 e 2 centesimi. La commissione Bilancio della Camera ha dato il via libera all’emendamento alla cosiddetta «manovrina» che sospende il conio delle monete di minor valore e introduce un meccanismo di arrotondamento. Questa scelta - già fatta da alcuni Paesi come Finlandia, Olanda, Belgio e Irlanda - preoccupa il Codacons, secondo cui sono in arrivo rincari per i consumatori.

Quote Rosa inventateI grillini hanno proposta la modifica dello statuto abbassando al 40 per cento (e non più al 50) la soglia di rappresentanza femminile necessaria per la formazione dell'esecutivo. Il presidente dell'assemblea capitolina difende la decisione. I dem: "Colpo di mano". Condanna anche da Fi e Sinistra italiana. Meno “quote rosa” nello statuto comunale del Campidoglio. La decisione della giunta M5s diventa un caso politico, addirittura a livello nazionale. Dal Partito democratico a Forza Italia, passando per Sinistra Italiana, tutti i partiti parlano di “Medioevo dei diritti” e accusano la sindaca Virginia Raggi di “scarsa sensibilità nei confronti della questione di genere”. La sua colpa? Voler abbassare il numero minimo di donne in giunta dal 50 al 40 per cento ( “uniformandolo alla previsione normativa”), questione che alla giunta ha già creato più di un problema in questo primo anno di legislatura.

Champs Elysees 04 990x742A due giorni dal primo turno delle Presidenziali torna la paura in Francia. Karim Cheurfi, 39 anni, parigino, l’attentatore degli Champs-Elysees, era una vecchia conoscenza delle forze dell’ordine. Aveva aggredito la polizia più volte, almeno tre in 16 anni. L’ultima volta era stato arrestato a febbraio. Nella sua auto, abbandonata prima di passare in azione, una copia del Corano e carte inneggianti all’Isis. Intanto il tema sicurezza irrompe nelle ultime ore della campagna elettorale: Fillon, Le Pen e Macron hanno annullato gli ultimi comizi, ma la leader del Front National continua a parlare riverberata dai media: “Mi aspetto altri attacchi prima del voto”. Per la polizia era un volto più che familiare. Anzi, peggio: era un pericolo da anni, almeno sedici. Aveva tentato di ammazzare due agenti nel 2001, era saltato addosso a una guardia in carcere. Per i nuovi attentati nel centro di Parigi si profila ancora lo stesso copione.

LePen e Papa lapresseMarine Le Pen si definisce "estremamente credente", ma "arrabbiata con la Chiesa", che si "immischia in tutto ma non di ciò che la riguarda". La leader del Front National e candidata alle elezioni presidenziali francesi lo ha dichiarato in un'intervista al quotidiano cattolico La Croix, ripresa dai media del Paese. "Ho la fortuna di non aver mai dubitato", ha dichiarato la politica a proposito della propria fede, "ma è vero, sono arrabbiata con la Chiesa", perché talvolta la Conferenza episcopale di Francia si immischia con la politica. "Le religioni non dovrebbero dire ai francesi che cosa votare", ha aggiunto.

Giustizia civile NONon migliora la salute della giustizia italiana. Secondo quanto emerge alla lettura dello 'Eu Justice Scoreboard' 2017 presentato oggi dalla Commissione europea, l'Italia è ultima per il tempo di soluzione dei contenziosi: 527 giorni di media, in peggioramento rispetto ai 493 del 2010. la giustizia civile italiana è poi la quarta peggiore nella classifica Ue per la più lunga durata dei procedimenti civili, commerciali e amministrativi, con 393 giorni in media nel 2015, contro i 395 giorni registrati in cause del 2010. Peggio dell'Italia fanno solo Cipro, Portogallo e Malta.

Reporter VideomakerA giugno si terrà il "Reporter Day", il primo evento per cercare talenti per questo mestiere, duro, difficile, ma affascinante. Quando portavo i calzoni corti e sognavo i reportage in giro per il mondo, sui banchi di scuola del Nautico di Trieste, immaginavo solo di rincorrere l’avventura, se possibile sbarcare il lunario e raccontare le guerre. Da giovane free lance, senza né arte, né parte, appariva come una missione impossibile. Passione, testardaggine e tanta voglia di scrivere, fotografare, filmare hanno reso possibile questo sogno assieme ad altri due triestini innamorati dei reportage di guerra, Almerigo Grilz e Gian Micalessin. Fra le tante porte che abbiamo bussato quando eravamo alle prime armi, poche si sono aperte, soprattutto in Italia.

mattarellabufaleÈ furibondo Sergio Mattarella. Questa volta Matteo Renzi lo ha fatto davvero arrabbiare con questa storia delle elezioni anticipate. Subito dopo la batosta del 4 dicembre aveva cercato di essere comprensivo ma ora la pazienza è finita: per il presidente della Repubblica andare a votare prima dell'estate come vuole l'ex premier è un'ipotesi di cui non vuole più nemmeno parlare.  Riporta il Giornale in un retroscena che il presidente della Repubblica ha un'agenda fittissima nei prossimi mesi: non solo il 26 e 27 maggio sarà a Taormina per il G7 insieme a Paolo Gentiloni, Donald Trump, Theresa May e al prossimo presidente francese ma in autunno il governo sarà alle prese con una legge di Bilancio su cui pesa l'incognita di clausole di salvaguardia per 20 miliardi. La trattativa in corso tra Palazzo Chigi e la Commissione Ue sarà determinante al fine di ottenere una certa flessibilità sul rapporto deficit/Pil. E in questo scenario il fuoco amico di Renzi sul governo nuocerebbe all'Italia rispetto alla possibilità di ottenere qualcosa da Bruxelles.

Aereo di statoSprechi ad alta quota. Con la centrale di acquisti-spese il costo è passato da 40 a 100 euro (compresi caviale e aragosta). Gli sprechi di Stato sono a portata di mano anche per i voli blu e passano per Consip. Fino a qualche anno fa il servizio di ristorazione a bordo degli aerei che trasportano gli esponenti del governo e altre alte cariche era affidato a una società di Fiumicino che aveva vinto la gara d'appalto e che riforniva i velivoli con cibo di alta qualità praticando il prezzo di 40 euro a pasto. ........., nel 2015, ............ la spesa è lievitata. La nuova gara d'appalto è stata affidata a Consip e vinta dalla Sky Services, società di Napoli (città da cui la famosa inchiesta aperta dal magistrato Henry John Woodcock è partita), che è riuscita a ottenere il risultato proponendo il catering di bordo per gli aerei blu a 100 euro a pasto. Prezzo che viene tuttora applicato. La Sky Services, a sua volta, ha subappaltato la commessa, per 50 euro a pasto, alla società Villa degli angeli, con sede a Ciampino, che si occupa dello stesso range di fornitura servizi. Insomma, una spesa maggiorata di 60 euro a pasto rispetto al passato. Un guadagno di 50 euro per unità per la prima società e un dispendio di denaro pubblico di cui certamente gli italiani non saranno contenti.

tassisti a Roma Lapresse1) Nel 2017 sarebbero dovute entrare in vigore le norme per garantire più legalità nella giungla dei trasporti con conducenti. 2) In una notte di gennaio la senatrice Lanzillotta inserisce nel decreto Milleproproghe una norma che rinvia la legalità al 2018. 3) I tassisti iniziano una protesta per far cancellare l'emendamento Lanzillotta. Il Governo gli ha risposto che non era possibile perché non c'erano i tempi per la conversione del decreto. Falso! I tempi c'erano eccome! Il governo aveva ancora 7 giorni per eliminare la modifica Lanzillotta e mandare al Senato il testo per l'approvazione definitiva. In 7 giorni si sono approvate le peggiori porcherie!

Trump ha firmatoGli ingressi sul territorio americano di «persone non ammissibili», cioè di immigrati senza i titoli per entrare negli Stati, è sceso del 40% a febbraio rispetto a gennaio. Lo ha reso noto il governo americano, definendo il dato un successo frutto dell’attenzione dell’amministrazione Trump ai confini meridionali del Paese.  «Il calo nel numero delle persone catturate mostra un sensibile cambiamento nel trend», ha dichiarato il responsabile per la Sicurezza nazionale, John Kelly. Trump si è insediato il 20 gennaio. «Dal varo degli ordini esecutivi dell’amministrazione per rafforzare le leggi in materia di immigrazione, le persone catturate e i movimenti di persone non ammissibili stanno volgendo verso il minimo mensile degli ultimi cinque anni».

Assistenza poveriLo chiamano welfare non assistenziale. Che tradotto vuol dire: lo Stato (o, meglio, il servizio sociale del Comune) distribuisce un po’ di denaro ai poveri ma in cambio di un “contratto” per farli uscire dal loro stato di difficoltà, magari certificando il ritorno a scuola dei figli di una famiglia difficile oppure facilitando il ritorno al lavoro di un disoccupato cronico o di chi ha avuto la sventura di perdere il posto dopo i 55 anni. E’ questa la scommessa della legge delega sulla povertà che il...

tessera del Pd BenitoDopo Catania ed Enna, in Sicilia scoppia un altro Tesseragate. Al Nazareno, infatti, è arrivata una segnalazione da parte della minoranza dem della città che fu feudo di Francantonio Genovese: “Il commissario Carbone ha affidato il tesseramento a un ufficio monocolore”. I renziani: “Il caso è rientrato”. Dubbi sul numero ufficiale dei tesseramenti e sull'iscrizione di alcuni cittadini extracomunitari. Un unico circolo in tutta la città, solo una settimana effettiva per tesserarsi e un numero di iscritti che in certe zone della provincia è cresciuto in maniera sospetta. In più un curioso caso di extracomunitari, cinesi e cingalesi, che a Messina avrebbero scelto di arruolarsi sotto le bandiere del Partito democratico. Dopo Catania ed Enna, in Sicilia per i dem spunta un altro Tesseragate. E questa volta i riflettori del Nazareno saranno puntati sulla città dello Stretto, storica roccaforte di Francantonio Genovese, l’uomo scelto da Walter Veltroni come primo segretario del Pd sull’isola nel 2007.

GhisleriDi motivi per tremare Matteo Renzi ne ha a palate. C'è la scissione del Pd, ci sono le vicende giudiziarie di Consip che stanno coinvolgendo il braccio destro Luca Lotti e papà Tiziano, con il rivale al congresso Michele Emiliano che ogni tanto tira fuori qualche sms compromettente. E c'è lo scandalo delle tessere "regalate" a Miano (Napoli) che apre uno squarcio inquietante su come funziona il partito in certe zone d'Italia. Su tutto, però, come ricorda il Fatto quotidiano, c'è "l'effetto referendum del 4 dicembre" Ne parla Alessandra Ghisleri, la sondaggista direttrice di Euromedia Research, secondo cui si sta profilando un "fenomeno stranissimo": "Dalla metà alla fine di febbraio, quelli che dicono che andranno a votare per il congresso sono passati da 3 milioni e mezzo a 4 milioni e mezzo.

Chaouki PDLo ius soli diventerà legge grazie al «sostegno del Partito democratico», anche a costo «di sfidare il Parlamento con un voto di fiducia» e il leader della lega Nord, Matteo Salvini se ne «deve fare una ragione». Questa posizione «conciliante» e «aperta al dibattito» è stata espressa ieri dal deputato del Pd, Khalid Chaouki, coordinatore dell’Integruppo parlamentare immigrazione e cittadinanza, prima di scendere in piazza del Pantheon a Roma per la manifestazione «Italiani senza cittadinanza» promossa dal Comitato L’Italia sono anch’io.

Orfini PDOrfini annuncia la fiducia sulla cittadinanza agli immigrati. Gasparri: "Gentiloni smentisca". Salvini promette barricate. Il Pd di Renzi comincia a guardare a sinistra. La scissione dei vari Speranza e Bersani preoccupa un po' il Giglio Magico renziano e non tanto per l'addio in sé, che limitando i litigi renderà più serena l'atmosfera piddina, ma per i voti che potrebbe portarsi via. I sondaggi parlano di una forchetta che va dal 4% al 12% per la "Cosa Rossa" che potrebbe nascere e che rischia di drenare voti dal paniere del Partito Democratico. Facendolo arrivare dietro ai grillini alle prossime elezioni.
È per questo che il presidente del Pd, Matteo Orfini, nel pieno dell'organizzazione del congresso, ha deciso di rispolverare un vecchio cavallo di battaglia della sinistra. Un tema caro alle anime radicali del partito, un argomento che se messo in cima alla lista dei desideri e magari imposto nell'agenda di governo, potrebbe convincere qualche indecisa anima del Pd a rimanere nelle fila, lasciando col cerino in mano gli scissionisti. Parliamo dello Ius Soli, ovvero la cittadinanza agli immigrati che nascono nel Belpaese anche da famiglie clandestine.

Caro iscritto Pd, ti scrivo queste poche righe perché immagino che in questi giorni leggendo i giornali, guardando la televisione, magari ascoltando i talk show ti sia sentito smarrito e disorientato. E magari proprio arrabbiato. Sappi che ti capisco. Immagino ti stia chiedendo perché da settimane ormai si sia smesso di parlare del Paese e tanti di noi continuino invece a guardare al proprio ombelico e a polemizzare al nostro interno.

mose cerniere 675Nessun appalto: il Consorzio Venezia Nuova affidò i lavori per realizzare il cuore dell’infrastruttura che dovrebbe difendere la laguna direttamente al gruppo Mantovani. Nonostante i richiami della Ue. Lo scandalo delle cerniere del Mose che dovrebbero salvare Venezia dall’acqua alta non è solo il rischio di corrosione – aggravato dall’uso di materiali non idonei – denunciato da una allarmante relazione tecnica depositata al Provveditorato delle opere pubbliche del Veneto. E’ anche un appalto da 250 milioni di euro che all’epoca in cui imperversava il sistema del Consorzio Venezia Nuova, benedetto e diretto dall’ingegner Giovanni Mazzacurati, venne assegnato al gruppo Mantovani senza uno straccio di gara. In nome di una spartizione del denaro pubblico in una terra di nessuno dove le norme della trasparenza e della concorrenza non valevano.

Municipio XI, ripartono i lavori per la manutenzione stradale: erano fermi da novembre

Municipio XI, ripartono i lavori per la manutenzione stradale: erano fermi da novembre
Annunciata la ripresa delle operazioni di ripristino e manutenzione stradale. Pace (M5s): "Stanziati altri 700mila euro con cui provvedere a marciapiedi, caditoie e buche in 250 vie del territorio".

Riprendono le operazioni di manutenzione stradale. Comprese le pulizie di tombini e caditoie. “I cittadini romani, in una consultazione promossa dal Movimento 5 stelle di Roma prima delle elezioni – aveva spiegato il Presidente Pace ad inizio consiliatura –  avevano indicato come interventi prioritari quelli sulla mobilità e sulla manutenzione delle strade”. Motivo per cui le operazioni erano già partite dalla scorsa estate. 

LA RIPRESA DEI LAVORI - Nonostante il buon avvio, qualcosa nel meccanismo si era bruscamente inceppato.  I lavori “predisposti lo scorso novembre, per la lancanza di una garanzia assicurativa accessoria della ditta aggiudicatrice - fa sapere con una nota il Minisindaco del Municipio VIIII  -erano stati fermati”. Problema risolto. “Entro quindici giorni il contratto sarà operativo”. C’è dell’altro. “In più, grazie allo stanziamento di ulteriori €700.000 posti in bilancio dall'Assemblea Capitolina per il 2017, riusciremo ad appaltare in maniera più consistente la manutenzione stradale ordinaria, dei marciapiedi, delle caditoie e delle buche, intervenendo su circa 250 strade del territorio municipale”.

#ROMARIPARTE - “L'Ufficio Tecnico ha stilato un report dettagliato e aggiornato delle criticità del territorio, stabilendo le priorità dopo un’attenta verifica sul campo, ottimizzando in tal modo modalità e tempistiche di intervento – ha chiarito Pace, prima di aggiungere che – come afferma l'Agenzia per la Mobilità, sono ripartiti anche i lavori di ripristino e riqualificazione di Piazzale Caravaggio”. A margine di questi aggiornamenti, il presidente del Municipio VIII ha fatto una riflessione. “Siamo  al lavoro ogni giorno per cercare di risolvere nel più breve tempo possibile queste emergenze che sentiamo sulla nostra pelle, sia come cittadini che come amministratori. Roma  – ha concluso Pace – merita di più”.



Articolo da garbatella.romatoday.it

Moschee italia"Abbiamo firmato con le associazioni del tavolo islamico italiano un importantissimo documento, cruciale, che riguarda il presente e il futuro dell'italia attraverso il dialogo interreligioso". Così il ministro dell'Interno Marco Minniti, al Viminale, presenta il 'Patto nazionale per un islam italiano, espressione di una comunità aperta, integrata e aderente e ai valori e principi dell'ordinamento statale', redatto con la collaborazione del consiglio per i rapporti con l'islam italiano e recepito dal ministero dell'Interno. Minniti è soddisfatto, il documento è stato sottoscritto dalle principali associazioni e organizzazioni islamiche in italia, rappresentative di circa il 70 per cento dei musulmani che attualmente vivono in italia.

Tanto per alleggerire un altro po' le tasche dei contribuenti, dal primo gennaio anche le bollette saranno più salate. A comunicarlo è stata ieri l' Autorità per l' energia ed il gas, spiegando che per l' elettricità ci sarà un incremento dello 0,9%, mentre per il gas l' aumento sarà ben più consistente, del 4,7%.

Nelle scorse settimane la comunicazione della polizia Allerta a Milano: più controlli su persone e zone a rischio. Quando la paura è un concetto concreto e peraltro motivato, bisogna fare sistema. Tra chi controlla il territorio, chi si occupa delle indagini, chi si concentra sull'intelligence. Anche l'Italia deve realmente temere il terrorismo islamico? E allora il capo della polizia Franco Gabrielli si espone in prima persona e in due interviste afferma senza mezzi termini che «prima o poi l'Isis colpirà anche noi».

 

Per contattare la Redazione, inviare email a: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.  oppure telefonare al numero: +39 371 122 9301.

Per effettuare un aggiornamento alla versione più recente del software, siamo stati costretti a ripartire da zero col contatore degli Utenti Unici.
Alleghiamo uno screen capture del sito alla data del 29 dicembre 2016.

 0001

0002

 

0003

 

0004

0005

Matteo Renzi scalpita: la promessa di un addio alla politica, in caso di sconfitta al referendum, era solo un bluff, uno spot da campagna elettorale. L'ex premier, persa la guida del governo, lavora sotto traccia per blindare la segreteria del Pd.

Partenza sprint per la rottamazione delle cartelle che nei primi 2 mesi ha registrato 100mila adesioni alla sola Equitalia, che sta ricevendo una media di 2500 domande al giorno per la cosiddetta “definizione agevolata”. Procedura dalla quale il governo conta di incassare 3,4 miliardi in due anni.

Bollette di luce e gas, pedaggi autostradali, tariffe postali: una raffica di aumenti è già in conto per il 2017. Il Codacons ha stimato una maggiore spesa media a famiglia di 986 euro, mentre altre associazioni dei consumatori si fermano a 771.